ATTENZIONE! Questo sito si è trasferito all'indirizzo stm.sottosuolo.org, e presumibilmente non riceverà più aggiornamenti!

Torna alla homepage

Mr. StM's blog

[ Back ]

Mon, 08 November 2004, 18:23

My personal IT history (post finito, grossomodo)

(ultimo aggiornamento: 26/1/2005)

Ovvero il mio travagliato rapporto con l'informatica. Dalla nascita ai giorni nostri. Sarà un post così lungo che non lo farò tutto in una volta, e stavo quasi pensando che è l'ora di cambiare lo stile di questo blog perché i titoli sono troppo piccoli e i post non sono ben separati l'uno dall'altro. Insomma, un post lungo vi getterà nel panico.

Aggiornerò di tanto in tanto, e attiverò il flag quando avrò finito. In effetti, una volta finito, potrei piazzare il tutto nella pagina che parla di me, magari con qualche foto degli amati resti...

1. Le origini

Vic 20. Non facciamola lunga... era un paffuto home computer della Commodore, ci saranno sicuramente dei fans in giro per il mondo che l'hanno rivoltato come un calzino e l'hanno usato come phon, ma io essenzialmente ci sono diventato scemo a giocare i giochini che erano contenuti in due cassette, allegate alla rivista per vic e Spectrum "Program", e in una cartuccia.

La cartuccia era un gioco di Poker, mentre del contenuto delle cassette ho trovato la trascrizione qui:
http://www.progettoedicola.com/mostra.php?codice=program&numero=5
http://www.progettoedicola.com/mostra.php?codice=program&numero=8
Purtroppo per il numero 5 manca proprio il lato del vic... oh, be', poco male, la mia preferita era la cassetta del numero 8. Di Bighe ero un maestro (che doppi che si giocavano!); a Robots andavo avanti per ore ma non so se avesse fine, Destroyer ha rappresentato per me una bella sfida, ma credo di aver scoperto che l'obiettivo finale, cioè atterrare una volta rasa al suolo tutta la città, era irraggiungibile (io ci ho provato, ma ci ho sempre lasciato le piume); Raids non mi ha mai appassionato molto, e Sumus non funzionava senza un'espansione di memoria.

In effetti non so quante volte ho provato, a far funzionare i giochi che non potevano proprio funzionare (cioè quelli del lato B, per lo spectrum, e quelli che richiedevano le espansioni di memoria).

Oh, be'.

Dell'altra cassetta ricordo solo Serpenti, che prendeva in prestito il personaggio di pac-man (costituito da un unico carattere) per un concept originale: eravamo in una tana di (7, credo) serpenti, e dovevamo mangiare tutte le loro uova. Una volta mangiate le uova, potevamo anche mangiare i serpenti, badando bene di cominciare dalla coda (perché non l'ho detto, ma è ovvio, i serpenti potevano mangiare noi). Alla partenza, tutti i serpenti tranne uno erano "prigionieri" delle loro stesse uova, che riempivano tutto lo schermo. Quello che non lo era, andava in giro a mangiarsele allegramente. Quindi gli altri serpenti potevano essere liberati da lui, oppure da voi, ansiosi di fare piazza pulita. L'ho finito poche volte, rappresentava ogni volta una sfida notevole. Bei tempi.

Questo è stato il mio computer fino ai 12 anni, credo. Ma nel frattempo le sirene informatiche mi hanno chiamato più volte.

2. Prime esperienze didattiche

Ho sempre avuto degli insegnanti fenomenali... ebbene sì, ho fatto informatica alle elementari. Teoria e pratica. Ci hanno insegnato a programmare in basic, su un commodore 64. Niente di eccezionale, aiutavamo solo il fruttivendolo a sapere quanto avesse guadagnato, in base al prezzo del frutto singolo e al numero di frutti... ma programmavamo.

Poi abusavamo un po' della stampante, usando un grazioso programmino per creare biglietti di auguri... bellissima la volta che per curiosità abbiamo sperimentato cosa fosse il formato "festoni"... due metri di biglietto!

Una volta il marito della nostra insegnante di matematica era venuto a farci una lezione sulla programmazione un po' più avanzata... ci ha terrorizzati tutti con parole oscure, routine e subroutine... all'epoca già non eravamo capaci di prendere appunti se non sotto dettatura, figuriamoci a farlo per cose che non capivamo. Be', magari non sarà servita, quella lezione, ma me ne ricordo ancora.

Strano a dirsi, ma qualcosa di informatica l'ho fatto pure alle medie. Perché noi eravamo quei gran geni del tempo prolungato, mica pizza e fichi.

In realtà abbiamo fatto veramente poche lezioni... forse mi sbaglio, ma potrebbero essere una o due. Eppure anche queste me le ricordo, non so bene se perché avevamo già il nostro primo pc a casa o se perché comunque era in progetto l'acquisto.

Non mi ricordo bene cos'è che volessero insegnarci... dai vaghi ricordi che ho credo ci fosse qualcosa di dos e qualcosa di pascal. Chissà.

Si è fatto un po' più sul serio alle superiori, ma senza esagerare. Eravamo lo scientifico sperimentale, informatica per 5 anni, ma in realtà l'abbiamo fatta solo dal primo al terzo. Un'ora alla settimana, e non garantita. Perché? Perché l'insegnante era quella di matematica, e voi sapete che di matematica c'è sempre un programma grande così.

Bisogna dire però che quel poco che s'è fatto s'è fatto bene... il Pascal sarà vetusto, ma era divertente. Si è giunti a malapena ad introdurre le procedure... sì, le mie conoscenze di Pascal non saranno mai molto spendibili. Nel mio ex-liceo sembra che stiano pensando di insegnare il c. Bene, basta che lo insegnino davvero e per tutti i 5 anni.

3. Il primo pc

...non si scorda mai. Devo dirlo per contratto.

E' stato davvero appassionante trovarmi a casa un pc. Quante stupidate, facevo! Ma la voglia di imparare era tanta.

Purtroppo non mi ricordo bene in che anno l'abbiamo comprato... a cavallo tra il 1993 o 1994, sicuramente.

Il pc era un IBM PS/1, Intel 486sx 25, 4MB di ram, 170MB di hard disk, scheda video integrata, monitor 14'' (che funziona "bene" ancora adesso, mitica IBM), nessuna scheda audio, nessun lettore cd; era ancora l'epoca in cui si parlava di "IBM Compatibili", ma diciamo che erano gli ultimi anni.

Il sistema operativo, dos 6.2 (credo) e Windows 3.1. Non male, in fondo. All'avvio c'era un menu in cui si poteva scegliere se avviare Windows, dos, un accrocchio chiamato "dosshell" (che io apprezzavo, in fondo... mi è dispiaciuto non trovarlo più in dos successivi), oppure creare dischi di ripristino (una quindicina di floppy di roba zippata... li avevo fatti, ma irrimediabilmente un paio avevano salutato con tanto di cluster danneggiati... e allora tutto da buttare).

I primi tempi Windows era d'obbligo. Mi ero incantato a seguire il tour guidato di introduzione, con i rettangolini da disegnare e i doppi click che gli cambiavano colore... magico. Seguito due-tre volte il tour, ero finalmente in grado di aprire le applicazioni cliccando. Perlomeno, se erano in uno dei "gruppi" con la loro bella iconcina.

Ci aveva gettato nello sconforto quella volta che, non si sa bene come, il gruppo "Principale" (mica pizza e fichi) era stato eliminato per sbaglio (non ricordo più da chi). Dopo giorni, forse settimane di ricerche, ero riuscito a ripristinarlo. E' stata la mia prima vittoria informatica, e mio padre per la soddisfazione mi aveva elargito anche una discreta sommetta.

Installare del software, e soprattutto del software per dos, era per me tuttavia materia del tutto oscura. Un poco mi venne in aiuto mio padre, insegnandomi quei 3-4 comandi che sapeva lui (cd, dir, format, quelle cose lì), ma soprattutto inizialmente facevo tutto da Windows. Click, click, click. Eh, mica facile, finché non ho capito che i programmi veri finivano sul disco fisso e non nell'entità astratta "Program Manager".

Avuto il computer, la prima cosa a cui ho pensato, ovviamente, erano i videogiochi. Sarebbero finalmente finiti i tempi in cui invidiavo i miei amici, possessori di Nintendo, Sega, Amiga e compagnia giocando?

Il mio terzo ingresso nel mondo videoludico per pc è stato fortunato, perché la prima rivista che ho comprato è stata una buona scelta: PC Game Parade, la versione italiana di una rivista inglese che ora non ricordo. L'humor inglese mi è rimasto parecchio addosso, e un po' mi manca. Le solenni stroncature erano delle perle che non mancavo mai di leggere (anche se magari la traduzione rovinava un po'). Presi il primo numero perché era allegato un floppy da 1,44MB, e nel foglietto che stava sopra il floppy campeggiava un'immagine di Xargon, un gioco shareware dalla grafica decisamente carina. Costo 15000 lire, una bella botta. Ma ne è valsa la pena, il gioco mi ha appassionato per mesi. E' stato probabilmente il primo software installato che sono riuscito a far partire... clicca che ti clicca. Sì, era per dos ma lo facevo girare da Windows. Via, non era troppo un problema... a parte che per sparare si premeva SPAZIO e per saltare ALT, così finivo "windowed" un po' troppo spesso... ma ho risolto scoprendo che per sparare andava bene anche SHIFT.

Ah, già... ho detto "terzo" ingresso. Volevo farvi un po' impazzire parlandovi del primo e del secondo dopo il terzo.

Il primo ingresso è stato un pomeriggio in cui, accompagnato da mia madre, sono andato in un negozio di computer (che in seguito ho imparato a non apprezzare per altri motivi), a chiedere "un videogioco". Ero completamente digiuno di qualsiasi nozione aggiornata sull'ambiente, me ne hanno mostrati un po'... uno mi sembra quasi che fosse Doom, infatti c'era una scatola impressionante che ho subito scartato. Per i rimanenti, non sapendo nemmeno che roba fossero, ho seguito il criterio del prezzo. Così ho portato a casa un gioco budget, "Hill Street Blues", una specie di simulazione di commissariato, che non sono mai riuscito a capire come funzionasse. Oh, be'. Sbagliando si impara.

Il secondo ingresso è stato grazie al mio compagno di classe Loris, che mi ha passato un po' di giochi che aveva sul suo 286. Non mi ricordo esattamente quali né esattamente quando, ma vabbuò. Per un po' il riferimento per gli scambi di software è stato lui, poi un altro compagno di classe ha copiato ad entrambi Prince of Persia e non ce n'è stato più per nessuno... ma questo un po' più avanti.

Se non ricordo male, fu ancora su questo computer che potei provare la demo di Descent, trovata allegata (due dischetti! Lusso!) a PC Game Parade. Ragazzi, come mi ha preso quel gioco! Lo gioco ancora adesso, su linux. E' stato anche il primo gioco che ho giocato nonostante fosse scattoso.

I ricordi si fanno decisamente fumosi, i prima e i dopo non mi sono del tutto chiari. Comunque è certo che un giorno, credo d'estate e credo nel '95, il fido PS/1 cessò di funzionare. Prese una brutta botta, non sappiamo esattamente come. Come se si fosse fritto. Bene, mandiamolo in assistenza.

Eh, eh, eh...

4. ... e il primo calvario

Portiamo il PS/1 nel negozio in cui l'avevamo comprato. Non ricordo quanto tempo ci avessero indicato per la riparazione. Fatto sta che per... ehm... probabilmente 6 mesi siamo rimasti senza computer. Non so quante volte abbiamo telefonato, siamo andati di persona... niente, non gliene fregava niente. Era un negozio orientato più alle aziende, pare.

Cosa ho fatto per tutto quel tempo? Niente di particolare, a parte nell'ultimo periodo: un mio amico aveva giusto preso il pc pure lui, un 486DX4/100 (con scheda audio e cd-rom 4X), e così gli ho vampirizzato il computer per un po' di tempo (dopotutto glielo tenevo anche in ordine, gli passavo un po' di giochi e le jpg por... no, niente).

Sul computer del mio amico ho avuto il primo impatto con Windows 95... non mi piaceva. Troppo pesante per l'hardware di allora, nessun vantaggio reale rispetto a dos+win3.1. E poi i giochi erano ancora al 100% per DOS - per windows 95 c'era... c'era... Pitfall! Avevo provato la demo e dovevi tenerlo in una finestrella 320x240 perché di più si sputtanava tutta la grafica. Ah, poi c'era Hover incluso nel cd di Windows 95, quello era senza senso ma carino.

Vabbe', com'è finito il calvario? Un giorno nel negozio hanno pensato che eravamo cotti abbastanza, e visto che era tutto quanto nel vecchio computer era fritto ci hanno proposto l'acquisto di un assemblato: 486DX2/66 (cyrix), forse 8 mega di ram, 630 mega di disco fisso, scheda video S3 qualcosa, Windows 3.11 (for workgroup). Noi non lo sapevamo, ma c'era anche il notevole miglioramento di qualche slot PCI (nel PS/1 erano tutti ISA). Il prezzo era accessibile, e così abbiamo accattato.

Dopotutto io ci avevo guadagnato, era un computer più potente... ma mancavano sempre scheda audio e lettore cd, perdindirindina!

Così non ho smesso di vampirizzare il pc del mio amico, e succedeva la cosa strana che lui aveva il computer con il lettore cd, ma chi comprava le riviste con cd allegati ero io. Grazie a lui ho potuto finalmente provare Heretic, Doom, e svariate altre demo (o shareware) che mi hanno in seguito appassionato a lungo. Ovviamente, quando potevo, trasferivo le cose più interessanti su decine di dischetti e me le portavo a casa per installarle là.

Credo, in questo periodo, di aver comprato le versioni complete di Doom 2 e Descent. Finalmente il secondo lo vedevo andare fluido, senza eccessivi rallentamenti.

Per fortuna, dopo qualche tempo mi è venuto in soccorso qualcuno che mi ha regalato un lettore cd... era un 1X, ma chissenefrega, il suo sporco lavoro lo faceva (e tra l'altro è ancora lì, installato su uno dei miei "muletti"). Da quel momento ho vampirizzato un po' di meno il mio amico, finalmente.

5. Spremiamo l'hardware per bene (oppure accontentiamoci)

Un bel giorno è uscito Quake. Requisito minimi: un Pentium. Ah! Scherzavano. Io l'ho giocato su un 486. Tutta la versione shareware, e diversi livelli di quella completa, se non ricordo male. Scattava da morire, ma sono riuscito a giocarci. In seguito, quando l'ho provato su un computer che lo facesse andare decentemente, ho scoperto che era un gioco tutto diverso. Interessante, no?

A proposito... giocavo sempre senza scheda sonora, ricordate? Immaginatevi voi quale può essere il coinvolgimento... eppure mi divertivo un sacco! E oltretutto potevo almeno sentire le tracce cd-audio dei giochi che le prevedevano.

Eppure questa della scheda audio non mi convinceva. Non capivo perché fosse necessaria, e perché non si potesse usare il PC-Speaker. Questo perché avevo comprato in edicola (per un po' sono andati di moda, i vecchi giochi in edicola - c'era la linea Futura Games ma anche altre) il gioco Pinball Dreams 2, che faceva sentire fior fior di musica tramite il PC-Speaker. E in seguito ho trovato anche svariati software, essenzialmente module-tracker e module-player (sapete cosa sono i .mod, .xm, .s3m, eccetera? No? Sono file audio a metà tra i .mid e i .wav), che si facevano sentire tramite PC-Speaker. Mi prenderete per scemo, ma quelle cose mi facevano gongolare.

Alla fine, comunque, arrivò in regalo anche la scheda audio. Questa volta una cosa di lusso: la Sound Blaster AWE64! Il top, all'epoca. E infatti aveva un Pentium come requisito minimo. Tzè, stavolta proprio non avevo trovato il motivo di tale requisito. Forse. Comunque la colonna sonora di Descent con la AWE64 era il massimo.

Ora non ricordo quando installai windows 95. Fu, molto probabilmente, prima dell'acquisto della scheda audio. Ma nel frattempo avevo trovato anche quale modifica fare al msdos.sys per evitare l'avvio dell'interfaccia grafica. Continuava a non piacermi. Ma piano piano si vedeva che chiedeva spazio al mercato. Per mia s/fortuna, dopo un po' di tempo di vita felice col mio nuovo computer, ebbi una seconda sciagura che mi tenne ancora per un po' di tempo lontano da Windows: la morte di svariati cluster del disco fisso.

Fu quello un periodo soddisfacente, poiché imparai davvero parecchio a sfruttare al massimo le possibilità della macchina. Fortunatamente i pochi mega occupati dal dos (mantenevo ancora la versione 6.22, nonostante la 7 di windows 95) non erano stati intaccati dalla tragedia, e ho passato diverso tempo a cercare e installare (si parla sempre e solo di riviste, internet era ancora una cosa per pochi) utilities per dos che mi permettessero di fare le stesse cose che facevo con Windows. Quindi avevo trovato visualizzatori di immagini, di filmati, player per cd, player audio, e così via. Dopo un po', sono riuscito a far stare il minimo indispensabile su un floppy. E, miracolo dei miracoli, avevo trovato allegata ad una rivista una demo di Quake che poteva essere avviata direttamente da cd. Certo, non si poteva salvare e caricava piano, ma volete mettere?

Vabbe', alla fine abbiamo risolto pigliando un nuovo hard disk da 1,2GB. Mica troppo difficile...

Purtroppo i riferimenti temporali mi sfuggono molto, per quel periodo, quindi qualcosa che ho messo "dopo" potrebbe essere "prima". Ormai sono vecchio.

6. Finalmente Pentium, e a salire

Un giorno accadde che volessi fare l'upgrade. Fu l'ultima volta che tale azione venne svolta per tramite di qualcun altro. Be', all'epoca non era difficile trovare qualcuno più esperto di me. Ero già in seconda o terza superiore, mi sa, ma che ci volete fare. Comunque, grazie al ragazzo di mia sorella, fui dotato di Pentium MMX 166 con 32 mb di ram (il resto era riciclato: case, SB AWE64, scheda video S3 da 1MB, hd da 1,2 GB) e assistetti per la prima volta al montaggio di un pc. Esperienza che ti segna, visto che da quel momento in poi mi sono (quasi) sempre montato i computer da solo.

L'upgrade mi rese felicissimo, e pure baldanzoso: ormai avviavo windows 95 abbastanza spesso, per questa o quell'altra cosa. Ma, in un mondo ante-accelerazione 3d, non c'erano poi così tanti motivi per usare l'interfaccia grafica (cosa c'erano? le directx 2? Ah! Ah! Ah!). Uno di questi motivi, tuttavia, cominciò ad essere Fifa RTWC 98, il primo gioco di calcio decente per pc mai sfornato (diciamo, quello con meno magagne). Si giocava benino anche senza accelerazione 3d (anzi, questa era opzionale).

Orbene, fu proprio Fifa RTWC la cartina di tornasole per farmi capire che qualcosa non funzionava nel computer. Dopo un po' che giocavo, si bloccava. Eccheccavolo. Dopo diversi giorni di bestemmie, mi venne nuovamente in soccorso chi ne sapeva più di me, e fatti i dovuti test (software), mi diede il responso: chip della memoria video bacato. Quella scheda la posso ancora utilizzare oggi, ma solo a 640x480-8bpp.

Così, non mi ricordo bene come, entrò nel mio case una S3 Virge. Una delle prime schede con qualche funzione 3D, e una delle più ridicole in tal senso (ehm). Però provare Descent 2 a 16bpp mi dava un senso di progresso non indifferente.

Dopo qualche tempo, non so quanto, decisi finalmente di acquistare una VERA scheda 3D: la mai dimenticata Monster 3D. Ricordo che davanti alle demo che stavano sul suo cd gongolavo, ma non ricordo esattamente quale gioco mi fece fare quel passo. Boh. Ricordo che l'ultimo gioco di un certo spessore che ho comprato per quel pc è stato Unreal. Che girava più che bene... a proposito, forse avevo ancora il monitor 14". Eggià. 640x480. Lugubre. Al momento mi sfugge quando vi fu il passaggio al 17". Se prima o dopo il computer successivo.

Tra le altre cose che mi sfuggono, il momento in cui ho comprato (sissignori, comprato) una copia di Windows 98. Magari nel '98? Sì, ma che computer avevo? Mah. Ah, e non so nemmeno quando ho espanso a 64MB la ram.

Il computer successivo era una virata verso l'agguerrita concorrenza di Intel: AMD K6-2 400, probabilmente 128 MB di ram, il disco fisso da 4GB (che probabilmente avevo già da prima, ma chissà), nuovo case (lo standard AT fu soppiantato dall'ATX nel frattempo), e di lì a poco una Voodoo Banshee nuova fiammante. Probabilmente il monitor da 17 pollici è capitato tra l'acquisto del nuovo computer e l'acquisto della Banshee, ma non sono sicuro. Ah, un altro importante cambiamento fu che il computer fu trasferito dalla saletta-studio famigliare direttamente in camera mia (ormai si erano resi conto di chi fosse che lo usava il 99% del tempo...), che aveva pure subito un notevole restyling.

Dopo qualche tempo feci la migrazione AWE64 -> Sound Blaster Live! Basic, scoprendo con rammarico che il mio amato Settlers 2 per dos in tal modo perdeva il calore della colonna sonora midi suonata con delle wavetable vere e non software... ma tale è il progresso, qualcosa dà, qualcosa toglie.

Da queste parti mi dotai di collegamento internet. Prima grazie alla generosa dotazione di un modem 33kbps da parte di un amico, e poi (defunto quel modem) con un... ehm... modem interno (che in seguito scoprii essere un "winmodem"). Erano i primi tempi della liberalizzazione dell'accesso a internet, quando per connettersi si usava la Formula Urbana. Ulteriori dettagli in un capitolo a parte.

I due acquisti successivi furono poco oculati: lettore dvd (estate 2000) e scheda video Radeon 32 Sdr (febbraio-marzo 2001). Il primo lo pagai uno sproposito, e una volta a casa on il mio primo dvd (l'orrido Pulp Fiction della Cecchi Gori, la prima versione) scoprii che avevo l'hardware troppo lento. Il secondo acquisto fu eseguito sperando di ovviare al problema, poiché la Radeon decodificava l'mpeg2 in hardware. Ahimé, quando la scheda grafica faceva qualcosa di impegnativo il computer andava in standby. Diagnosi, rivelatasi corretta: alimentatore insufficiente (200W).

Convissi con questo computer monco credo fino al'estate, quando mi feci dotare di AMD Duron 800 (256MB di ram), e soprattutto alimentatore da 300W (nuovo case). Allora tutto prese a funzionare bene.

7. Approcci alla Rete

Il primo approccio fu ancora grazie all'allora ragazzo di mia sorella. Uhm... '98? Comunque una sera aveva con sé il suo minuscolo portatile/palmare (era a tutti gli effetti un pc, ma era grosso come un palmare, con lo schermo da 6"; era un microfornetto, nel cui petto batteva un cyrix 586, forse 233) con modem pcmcia. Non so come, non so perché, ma gliel'avevo "sequestrato" e ci ho passato a navigare, se non tutta la notte, almeno buona parte (il poverino ha dormito da noi, mi sa). A veder cosa, non ricordo (giuro, non pensate male!). Comunque mi stupisce tutt'ora come fossi in grado di navigare agilmente senza averlo mai fatto prima... evidentemente ne avevo letto fin troppo, di Internet.

Poi un giorno (credo estate '98) mia sorella comprò il portatile (di cui narrerò le gesta), e anche questo aveva un modem PCMCIA (all'epoca i modem costavano un centinaio di mila lire, mica potevo comprarne uno a cuor leggero). E casualmente mia sorella stava giusto giusto a casa nostra... dunque, visto che a lei il computer serviva di giorno, io lo usavo di notte. A volte esageravo, arrivavo proprio fino alle prime luci dell'alba. Ma ricordo quel periodo con tenerezza: avevo un approccio alla rete, sebbene così intenso, di curiosità e di scoperta. Ora non è più così, la rete è una cosa ormai "scontata". E, diciamocelo, è diventata così piena di stronzate che navigare è faticoso.

Quello che mi rendeva così piacevole navigare era soprattutto il mondo dell'emulazione di console e arcade. Era un po' un tuffarmi nei ricordi di qualche anno prima, di quando mi spendevo compulsivamente (no, scherzo) le 200 o 500 lire al bar. Non era solo una questione di scaricarsi le rom, ma anche di sfogliarsi pagine che parlavano di questo o quell'altro gioco, di questa o quell'altra piattaforma.

...

Vabbe', non mi credete. Pazienza :D

Non so quanti giorni esattamente feci quella vita. Penso non troppi, perché non siamo andati sul lastrico.

L'anno scolastico successivo (ero in quarta) il mio compagno di classe di cui mi pare di aver parlato mi fece dono del suo modem 33k, essendosi dotato di un 56k (vi ricordate i due standard 56flex e X2, o qualcosa del genere? Be', erano finalmente stati fusi nel V90 - se non vi sono stati passaggi intermedi che ho scordato). E qui, signori, vi diedi dentro "come nelle zucche", qualsiasi cosa questo modo di dire significhi (ho una mia idea sconcia, basata sulla visione del film "Tassisti di notte", ma non ve ne rendo partecipi).

Per la connessione dovevo attaccare il modem ad una presa tramite prolunga, e liberare la presa appena finito perché "mascherava" quella del telefono (solo l'anno scorso, 2003, ho deciso che forse una modifica di 15 minuti e un buco nel muro mi avrebbero risparmiato questo sbattimento - infatti).

Il dialup tariffato a tempo è stato mio compagno fino a marzo 2003, quando ho deciso di fare un abbonamento annuale con NGI: F4 AUP 3. Voleva dire che si avevano 21 ore settimanali garantite senza disconnessioni. Superate le 21 ore nei 7 giorni precedenti, in caso di intasamento della rete si veniva disconnessi senza pietà. Dopo la prima disconnessione si dovevano attendere 2 minuti per riconnettersi, dopo la seconda 4, la terza 6, e così via. Certe settimane è stato un po' la mia tortura, bisogna dire. Soprattutto perché ho cominciato a frequentare assiduamente un forum, e sapete bene che in un forum non è tanta la banda che si fa passare quanto il tempo che si impiega a leggere. Bene, immaginatevi la combo diabolica "connessione che salta dopo 10 secondi che ti sei connesso" e "forum lento come un gargoyle di pietra FERMO". Stressante. Per non parlare del fatto che negli ultimi tempi venivo disconnesso anche senza fare chissà quale traffico.

A gennaio 2004, in previsione di farne il mio successivo mezzo di navigazione, mi sono procurato un Siemens S55, mandando in pensione il mio vecchio C55 (che funzionava ancora, ma immaginatevi che ci scrivevo decine di sms al giorno... sì, senza T9). L'S55 credo ce l'abbiano tutti i tecnici della terra... ha veramente sfondato nel settore business. E a ragione, visto che è un gprs di classe 10 che fa più che bene il suo lavoro di telefono e di modem.

Scaduto l'abbonamento con NGI, ho iniziato le connessioni gprs con Vodafone. Questa volta, nessun limite di tempo, né di traffico. Una pacchia. Oppure l'inizio della fine, visto che mi ritrovavo a computer connesso anche senza averne un effettivo bisogno. Nell'ultimo anno (2004) il mio tempo speso online è aumentato drasticamente.

Non è cambiato molto quando Vodafone ha introdotto il limite di 500 mb mensili (a parte che magari i pacchetti da 100 mb li scaricavo altrove), ma sono comunque passato a Wind dopo qualche mese (a settembre), per usufruire dell'offerta senza limiti di traffico (e, per giunta, apparentemente a rinnovo garantito - mentre per Vodafone si parlava sempre di "promozioni" limitate nel tempo, e semmai rinnovate): ottimo tempismo, visto che un mese dopo l'offerta non era più sottoscrivibile.

Così ora sono un triste individuo che, siccome PUO' collegarsi alla rete anche in treno, allora LO FA. Ma forse è il caso che ricominci a leggermi dei libri, che è meglio.

8. Gioie e dolori del pendolarismo

Ho parlato di treno? Già, perché 4 anni-e-un-po' fa ho abbandonato la casa natìa per andarmi a impelagare nel Politecnico, Ingegneria Informatica. Pendolare settimanale, partivo in genere alla domenica sera e ritornavo a casa al venerdì pomeriggio.

Come si fa a studiare IngInf se non hai un computer dietro? Be', i primi 6 mesi non era indispensabile. Ma la soluzione ce l'avevo già...

...ebbene sì, ancora una volta ho usufruito della strumentazione di qualcun altro, il mio prode compagno di stanza portatiledotato. Be', si faceva a turni e si resisteva. Tanto all'epoca non ero ancora computer-dipendente. Non mi ricordo che cavolo facessi (magari studiavo Analisi?), ma il portatile rimaneva spento abbastanza spesso (e lo usavamo in DUE, non so se rendo l'idea).

A gennaio 2001 succede il patatrack: incontro la donna della mia vita (be', con gli occhi di allora), e non essendo io cellulardotato stabiliamo di comunicare via e.mail. Circa... una al giorno? Insomma, inizio a monopolizzare il dispositivo. Un paio di mesi dopo, cellulardotandomi, ho leggermente diradato le e.mail e ho dato un po' di respiro al computer del coinquilino.

Nel secondo semestre (o meglio, nel terzo e quarto emisemestre) il computer cominciava ad essere utile, causa corso di programmazione. Nessun problema: per un po' ho fatto le esercitazioni, poi ho lasciato abbastanza andare (quell'esame l'ho poi dato a settembre... l'11 settembre).

Di quell'anno ricordo un lieve interessamente verso Netscape 6... ho provato e riprovato a farmelo piacere, dicendomi che era meglio di IE... be', insomma, ho dovuto ammettere che era TROPPO lento e TROPPO instabile. Probabilmente quello stesso anno, o quello successivo, ho scoperto il browser Opera. Cavolo se era ben fatto. Un gioiellino. Peccato la compatibilità molto latente... ma la strada verso la mia liberazione (vabbe') era segnata.

Ricordo anche che, da un certo momento in poi, ho iniziato a stressare un po' il portatile del coinquilino con qualche giochillo... essenzialmente episodi di Final Fantasy per snes. Che ci volete fare... un po' di crisi d'astinenza c'era (infatti aspettavo con ansia il venerdì per giochicchiare alle mie cose preferite sul pc di casa).

Nella primavera 2002, finalmente il problema del pc-sharing si risolve: mia sorella cambia portatile per via di qualche malfunzionamento, ma mi da la possibilità di vedere cosa non va in quello vecchio. Dopo un po' di apri-e-chiudi, il portatile torna magicamente a funzionare bene. Lui, e la sua ventola da 80 dB (non per nulla fu battezzato "Ventolino"). Decido quindi che può fare al caso mio, posta l'aggiunta di un po' di ram (32 mb facevano ridere), e in seguito (fine anno) l'ampliamento del disco fisso (2GB suscitavano anch'essi ilarità - molto più di 30 GB). L'aggiornamento della ram mi va pure di lusso: ne ordino su CHL 64MB, e me ne arrivano 128 per errore. Mi fanno comunque pagare il prezzo dei 64. Così succede che Ventolino si ritrova 160MB di ram, e la vita migliora parecchio (anche se un K6-2 333, a dir la verità, scatta un po' anche a visualizzare pdf).

Questa occasione arriva al momento giusto: nel momento in cui, cioè, comincio a navigacchiare un po' troppo spesso, ad attaccarmi al computer per qualsiasi sciocchezza, ecc. ecc.

Poi, nell'aprile successivo, mi viene ADDIRITTURA il fuoco sacro e passo un sacco di tempo a ESERCITARMI di programmazione ad oggetti! INCREDIBILE!!!

Quindi insomma è stato davvero provvidenziale. Per non parlare poi del fatto che ormai scalpitavo dalla voglia di provare linux, ma per questo vi rimando al prossimo capitolo.

Tuttavia, dopo poco più di un anno di possesso di quel portatile, decisi che forse avevo bisogno di qualcosa di più. Motivo? Be', sinceramente, il motivo principale era che linux non performava granché. Poi, vabbe', secondariamente non guastava certo un po' di multimedia, no?

Così nell'estate 2003, un po' freneticamente ("Lo prendo ad Ottobre... a settembre... no, lo prendo ADESSO!") ho fatto un signor acquistone, il mio attuale Acer Travelmate 803lmi. Lo pagai caro (ora il suo equivalente nel catalogo Acer costa 500 euro di meno), ma poiché ne avevo bisogno, e tuttora soddisfa appieno le mie esigenze (a parte l'hard disk da 40 GB, aggiornato recentemente a 80), non sono stati soldi buttati. E poi erano soldi ancora di borse di studio che, per fortuna, avevamo tenuto da parte.

Con quel gesto, mi sono improvvisamente trovato con un portatile più potente del mio desktop di casa. E quindi, nessun motivo più di aspettare con trepidazione il venerdì per farmi una partitina di un paio d'ore a Ultima IX (questo l'ultimo gioco che ho finito sul desktop). E nemmeno di intasare il venerdì di stampe delle dispense dei corsi, essendo Ventolino veramente estenuante nella visualizzazione a video ("Cosa c'era nella pagina prima? Per saperlo devo attendere 2 secondi che carichi la pagina, non vale la pena"). Ora il mio "ufficio" era ovunque fossi io. In parte è stato un bene, in parte un male.

Oh, a proposito... sia io che il mio compagno di appartamento adesso teniamo il computer più acceso che no, ora. E' un segno dei tempi o siamo noi ad essere ormai malati?

9. La volontà cieca e incausata di installare linux

Tutto cominciò con 2 distribuzioni trovate allegate ad altrettante riviste: Corel Linux e Mandrake (credo 7.3 - tra l'altro per quella data era già uscita la versione 8.0, ma ancora non ce l'avevo). Era l'estate della maturità (ops, esame di stato), avevo mandato i rituali messaggi niubbi in un newsgroup per decidere quale distribuzione installare. "Troverò un momento in tutta l'estate per farlo, no?". No. Così i consigli ricevuti caddero apparentemente nel vuoto. Ma era questione di tempo, perché il pinguino cominciasse a zompettare sul mio hard disk.

Poi comincia l'università. E, ricordo, sono senza computer, là. Per giunta, dopo pochi mesi incontro 'sta ragazza e quindi i fine settimana sono -prima parzialmente, poi completamente- occupati dalla contemplazione della sua divina beltade. Insomma, da un certo momento in poi gestisco il mio computer solo al venerdì pomeriggio.

Ancor prima di cominciare l'università, però, mi ero impossessato della rivista "Chip Special" dedicata a Linux (ben fatta, è stata un'ottima introduzione), che aveva allegati i ben 2 cd di Mandrake Linux 8.0. Dopo qualche tempo, forse prima di incontrare la donzella (quindi ancora a fine 2000), installai anche la distro. Ciò. E mi innamorai di gnibbles, memore delle numerose partite fatte col PS/1 a nibbles, un giochino per Qbasic (non l'avevo detto, vero? Pazienza. Era mitico anche gorilla.bas). Se non avete presente, è come "snake" per cellulari. Diciamo che il resto non mi interessava molto... non notavo differenze tra gnome e kde, l'aspetto era onestamente un po' orrido (soprattutto le icone, accidenti, facevano schifo). Poi non avevo ancora molti interessi nello sviluppo, ancora non ci avevano insegnato a programmare (e ad imparare da solo non avrei saputo da dove cominciare).

Successivamente, chissà quando, sullo stesso computer installai Mandrake 8.2. Boh, non notai differenze. Passò un'estate senza che approfondissi troppo (vedasi: ragazza), poi l'autunno, e infine la primavera successiva (2002) arrivò Ventolino, il vecchio portatile di mia sorella. 2 GB di hard disk. Già tanto se ci stava windows. Quindi si rimanda tutto all'autunno/inverno.

Nell'autunno 2002, credo, esce Mandrake 9.0. La installo sul pc di casa, e comincio a notare qualche differenza. Positiva. Inizia a piacermi. Mi convinco che è l'ora di metterci un po' più le mani, e mi compro l'hard disk da 30 GB per Ventolino.

All'installazione, una triste sorpresa: si installa, ma non funziona :(
Ci sbatto la testa qualche settimana, poi giungo alla conclusione "Vabbe', cosa vuoi che riesca a fare da solo? Vediamo se in rete trovo qualcuno col mio stesso problema".

Però avevo un problema ancora più a monte: non sapevo né marca né modello del portatile! Non c'era scritto da nessuna parte, né sull'hardware né sul software. Vabbe', soluzione classica: "Senti, sorellina, ma proprio proprio non sai dove hai il manuale, i driver e tutto quanto del portatile?". Lucky me, she knew. Dovrebbero mettere l'ergastolo per chi getta via i manuali e i cd dell'hardware che compra, "tanto c'è l'amico smanettone". L'amico smanettone non è onniscente, che vi credete?

Bene, saputo il modello del portatile (Mitac 5033), in un paio d'ore di ricerche trovo chi ha avuto il mio stesso problema... e la soluzione. La cosa mi ha sopreso, vi assicuro. Soprattutto, non capisco ancora adesso come si arrivi a intuire una soluzione del genere. O anche a "costruirla" navigando in rete per argomenti affini, quindi senza basarsi su un particolare modello di computer.

Vabbe', comunque la soluzione era, nientemeno, installare il pacchetto dei sorgenti del kernel, disabilitare "Make cpu-idle calls", compilare e installare il kernel.

Il tutto spiegato passo-passo, così non mi sono perso. E quindi, voilà, Mandrake 9.0 up and running 8) . E potevo vantarmi di aver già ricompilato il mio primo kernel! Che poi questa vanteria nascondesse una pedissequa esecuzione di istruzioni altrui, be', chissenefrega.

Le vacanze di Natale del 2002/2003 furono appassionanti. La collezione di software della Mandrake era veramente ben scelta, e scoprii tanti programmi che "ah, se ci fosse anche su windows...". Perché ancora manco mi sognavo di usare linux come sistema primario. Motivo? Ne basta uno: 'sta Mandrake era prestante come un bue grasso e vecchio. Avevo già il sospetto che forse quello che vedevo poteva essere meglio. Ma ancora per diversi mesi sarebbe rimasta la Mandrake il mio banco di prova, e i primi scarsi miglioramenti di prestazioni li ottenni lì. Prima con la versione 9.0, poi con la 9.1 (che, per fortuna, per l'installazione non necessitò di ricompilazione del kernel).

Un giorno decisi che non si poteva andare avanti così. Non ricordo esattamente quando, ma nella primavera 2003 mi capitò per le mani (ora non ricordo come, ma ho un cd masterizzato da me - forse l'avevo scaricata a colpi di 56k, con la flat in notturna) la Slackware 9.0. L'avevo sempre snobbata perché ne avevo sentito parlare come di una distribuzione DIFFICILE (maiuscolo, sì). Forse mi ero fatto baldanzoso, fatto sta che rasai via la Mandrake 9.1 e installai la Slack.

Miracolo, gente. Installazione semplicissima (sì, tutta testuale, ma veramente lineare), e un sistema PERFORMANTE. Davvero. Fu amore. Divenni un apostolo della Slack, cominciai a consigliarla a destra e a manca.

In verità un solo cd conteneva una quantità di software veramente infima, tanto per dire c'era solo KDE e non GNOME. Ma i due cd della versione 9.1 in seguito mi confermarono la bontà della mia scelta - perché oltre ai cd ci sono anche siti con una discreta selezione di software precompilato.

Questa Slack, una volta, mi salvò da un windows andato a quel paese. Non avevo cd di installazione dietro, avevo bisogno di accedere ad internet. Credo che avessi anche un esame di lì a breve, forse dovevo consultare delle cose. Be', nessun problema: c'era la sora Slack sull'altra partizione.

E purtuttavia, windows rimaneva il mio sistema primario. Ma cominciava ad andarmi stretto. S'imponeva una scelta: l'aggiornamento hardware.

E qui venne l'acquisto del nuovo portatile.

Su cui, figlio ingrato, non mi volli accontentare della Slackware. Vedevo, e vedo ancora, la Slackware come una distro ottima per hardware vecchio, o per hardware "di servizio" (router, server, eccetera). Ma non come desktop.

Così dopo poco provai la RedHat 9. L'avevo provata tempo prima, ma a pelle non mi ci trovavo bene. Non mi piaceva il tema BlueCurve. E poi tante piccole cose che neanche mi ricordo. Nuovamente, non mi trovai a mio agio.

Mi venne lo sghiribizzo della Gentoo. Mi documentai per bene, mi preparai al grande passo, installai. Un secondo amore, dopo la Slack. Il sistema di installazione del software di Gentoo, il Portage, era quello più ingegnoso e godurioso che avessi mai visto. Godurioso, sì, perché sui mirror si trovava di tutto. E bastava un comando per installare.

Passai diversi mesi pensando "questa è la mia distro, non cambio più". Poi successe... sì, successe che la mia imbecillità dicesse "presente", una volta (gennaio 2004). Feci un fsck a volume montato, e per giunta il maledetto si bloccò. Al riavvio, partì automaticamente e mi rilocò allegramente TUTTA la partizione sotto lost+found, con dei bei nomi di inode al posto dei nomi dei file... che bellezza.

Avevo bisogno di una distro funzionante nel giro di poco tempo, avevo un progetto da finire (ovviamente ero in ritardo come al solito). Reinstallare la Gentoo avrebbe preso troppo tempo. Guardo in casa: ho i 5 cd della Suse 9.0. In fondo volevo provarla, no? E allora la installo.

Bella distro, la Suse. Da allora la consiglio ai newbie. Aveva il migliore supporto hardware, all'epoca (infatti è sulla Suse che scoprii che lo speedstep era supportato da linux). Ma un giorno decisi che non faceva per me.

La nascita del progetto Fedora come costola di RedHat attirò la mia attenzione. Fui incuriosito da Fedora Core 1, e a marzo la installai. E non me ne pentii. E' rimasta sul mio pc fino a maggio/giugno, quando l'ho aggiornata alla versione 2, e ho disinstallato del tutto Fedora il 9/11/2004.

Quel giorno ho messo di nuovo Gentoo. Ed essa ancora vive.

Da febbraio 2004 linux è diventato il mio sistema primario.

Comments:

Shuren, Thu, 11 November 2004, 16:22

meno male che avevi avvisato che era lungo, stavo quasi per leggerlo :-p

 

StM, Sat, 13 November 2004, 01:08

 

shuren, Sat, 20 November 2004, 13:04

Beh l'assistenza non ha mai ispirato cose buone!!!

 

Lucea, Sun, 21 November 2004, 13:14

sfinente.. attendo il resto :P

 

shuren, Wed, 01 December 2004, 18:14

siamo tutti in attesa!!!!

 

StM, Wed, 01 December 2004, 21:45

 

joviberton, Thu, 17 November 2005, 21:22

grandeeeeeeeeeeeee.. figata sto coso.. poi me lo leggo bene
salut

 
Your comment:
Name: E-mail or Homepage:  
Guess the letters and numbers
(passphrase riddle)
--
:n:,
2 chars before small V
followed by
((??? - 7) * 9) = -9,
0 chars before K
&
0 chars before K
and not a
"X",
but
small 'J' +2 letters
;
2 chars before small E
and then
→ retype that here
Questo sito non è più mantenuto, e pertanto i commenti sono disattivati (il captcha darà sempre errore). Dirigetevi al sito stm.sottosuolo.org se volete commentare o contattarmi.

Questo blog è online dal 30 giugno 2004, e va già bene che se ne sia accorto il suo autore.

Molto di quello che troverete qui è di produzione del signor StM; il quale, tuttavia, non disdegna di portare di tanto in tanto all'attenzione del pubblico frammenti di opere altrui, un po' come si fa con gli ospiti stranieri famosi invitati per dare l'estrema unzione al Festival di Sanremo. In ogni caso, badate sempre bene a citare fonti e autori di quello che spargete in giro e andremo d'amore e d'accordo.

Pur mancando questo blog di un meccanismo di tagging dei post, potete ritrovarne molti catalogati (manualmente) qui, o nelle specifiche sezioni del sito.

Collaboro a:

Ars Ludica

Blog personali che leggo/consiglio

Babbo Natale ormai non deve dimostrare più nulla
Blog Stanco
Che te lo dico a fare?
Emack
gianky.com - blog
gls blog
Il blog della madama
Il Blog di Obi-Fran
Maelstrom
Maya's Blog
Myhar: soliloqui e pippe mentali
Nicola Mattina Blog
Parole e Presepi
s l o w c o r e
TLUC ... Blog
Uccidi un grissino: salverai un tonno...

Blog di informazione, cultura e dintorni

attivissimo.blog
ecoblog
MANTEBLOG
MicheleM Web Log
Quelli di Zeus
Salam(e)lik, già Sherif's Blog
Trashfood

Blog genericamente *belli*, spassosi, insomma i MUST READ

"A" come Ignoranza
Come un romanzo
Il blog di eriadan
Il porco trio
personalitaconfusa
Visioni Binarie - di Alice Avallone (originariamente qui)

Blog a caso

Ciccsoft
Genova e dintorni blogger's corner

Nei commenti sono (forse) riconosciuti i seguenti tag:

[b][/b], [i][/i], [u][/u], [url]indirizzo[/url], [url=indirizzo]nome[/url], [img]indirizzo[/img].

I commenti non possono superare i 3000 caratteri.

(I post precedenti al 25 luglio 2005 non sono indicizzati)