ATTENZIONE! Questo sito si è trasferito all'indirizzo stm.sottosuolo.org, e presumibilmente non riceverà più aggiornamenti!

Torna alla homepage

Mr. StM's blog

[ Back ]

Tue, 25 January 2005, 23:03

Privacy (William Faulkner)

[...]
Più o meno dieci anni fa un noto critico letterario e saggista, mio buon amico di lunga data, mi disse che un ricco settimanale illustrato di grande diffusione gli aveva offerto parecchi soldi per scrivere un pezzo su di me - non sul mio lavoro o le mie opere, ma su di me in quanto privato cittadino, in quanto individuo. Io dissi di no, e spiegai anche il perché: la mia convinzione che soltanto le opere di uno scrittore siano a disposizione del pubblico, aperte alla discussione, allo studio e al commento, in quanto lo scrittore stesso le ha rilasciate al dominio pubblico nel momento in cui ne ha proposto la pubblicazione e in cambio ha accettato del denaro; e di conseguenza egli non soltanto ha accettato ma s'impegna ad accettare qualsiasi cosa il pubblico intenda dire su di esse o fare di esse, dall'osannarle al mandarle al rogo. Tuttavia, finché lo scrittore non commette un delitto o si candida a un pubblico ufficio, la sua vita privata è unicamente sua; e non soltanto egli ha diritto di difendere la sua privacy, ma il pubblico ha il dovere di fare altrettanto in quanto la libertà di un uomo deve cessare esattamente là dove comincia quella del prossimo; e ritenevo che qualsiasi persona con un minimo di buon gusto e senso di responsabilità avrebbe convenuto con me.
[...]
[l'autore, 8 anni dopo, chiede ad un altro giornalista di non pubblicare un pezzo su di lui]
Forse loro - il giornalista e il suo datore di lavoro - non mi credevano, non riuscivano a credermi. Forse non osavano credermi. Forse oggigiorno è impossibile per qualsiasi americano credere che qualcuno che non stia scappando dalla polizia possa davvero non desiderare di vedersi nome e foto comparire gratis su un qualsiasi organo di stampa, non importa quanto misero o modesto o di diffusione limitata.
[...]
Il punto è che oggi in America qualsiasi gruppo o organizzazione, per il semplice fatto di operare sotto la copertura di una espressione come Libertà di Stampa o Sicurezza Nazionale o Lega Anti-Sovversione, può postulare a proprio favore la completa immunità riguardo alla violazione dell'individualità - la privacy individuale senza la quale l'individuo non può più essere tale e senza la quale individualità egli non è più nulla che valga la pena essere o continuare a essere - di chiunque non sia a sua volta membro di un qualche gruppo o una qualche organizzazione abbastanza potente e numerosa da far spaventare e tener tutti alla larga. Una tale organizzazione, ovviamente, non sarà mai di scrittori e di artisti; essendo individui, gli artisti non potrebbero associarsi neanche in due, figuriamoci in numero sufficiente. E comunque, per gli artisti in America non è prevista la privacy, perché per quanto concerne l'America nessuno ha chiesto loro di essere artisti. L'America non ha bisogno di artisti perché gli artisti in America non contano;
[...]

Faulkner, W., Privacy, 2003, Adelphi - Piccola Biblioteca.
(originale del 1955)

Un saggio (incompleto) gonfiato in un libro di quasi 100 pagine che comunque non vale 7 euro. Lo dico anche non avendo ancora letto i due saggi di commento (che prendono i 2/3 del libro). (Aggiornamento del giorno dopo: son quasi più interessanti i saggi, ma no, non vale 7 euro)
Delle cose interessanti ci sono. Su una trentina di pagine, sono quelle che ho riportato più su. Comunque se proprio vi interessa compratelo.

Più promettente è
Rodotà, S., Tecnopolitica - La democrazia e le nuove tecnologie della comunicazione, Novembre 2004, Editori Laterza.

Mo' chissà se e quando lo leggerò...

Comments:

Lucea, Tue, 01 February 2005, 10:26

 

StM, Tue, 01 February 2005, 11:07

 
Your comment:
Name: E-mail or Homepage:  
Guess the letters and numbers
(passphrase riddle)
--
/H/
followed by
2 chars before V
followed by
'E' +3 letters
;
'v'
&
(??? - 2) = 0
and
0 chars before small V
and not a
"A",
but
small 'B' +1 letters
,
→ retype that here
Questo sito non è più mantenuto, e pertanto i commenti sono disattivati (il captcha darà sempre errore). Dirigetevi al sito stm.sottosuolo.org se volete commentare o contattarmi.

Questo blog è online dal 30 giugno 2004, e va già bene che se ne sia accorto il suo autore.

Molto di quello che troverete qui è di produzione del signor StM; il quale, tuttavia, non disdegna di portare di tanto in tanto all'attenzione del pubblico frammenti di opere altrui, un po' come si fa con gli ospiti stranieri famosi invitati per dare l'estrema unzione al Festival di Sanremo. In ogni caso, badate sempre bene a citare fonti e autori di quello che spargete in giro e andremo d'amore e d'accordo.

Pur mancando questo blog di un meccanismo di tagging dei post, potete ritrovarne molti catalogati (manualmente) qui, o nelle specifiche sezioni del sito.

Collaboro a:

Ars Ludica

Blog personali che leggo/consiglio

Babbo Natale ormai non deve dimostrare più nulla
Blog Stanco
Che te lo dico a fare?
Emack
gianky.com - blog
gls blog
Il blog della madama
Il Blog di Obi-Fran
Maelstrom
Maya's Blog
Myhar: soliloqui e pippe mentali
Nicola Mattina Blog
Parole e Presepi
s l o w c o r e
TLUC ... Blog
Uccidi un grissino: salverai un tonno...

Blog di informazione, cultura e dintorni

attivissimo.blog
ecoblog
MANTEBLOG
MicheleM Web Log
Quelli di Zeus
Salam(e)lik, già Sherif's Blog
Trashfood

Blog genericamente *belli*, spassosi, insomma i MUST READ

"A" come Ignoranza
Come un romanzo
Il blog di eriadan
Il porco trio
personalitaconfusa
Visioni Binarie - di Alice Avallone (originariamente qui)

Blog a caso

Ciccsoft
Genova e dintorni blogger's corner

Nei commenti sono (forse) riconosciuti i seguenti tag:

[b][/b], [i][/i], [u][/u], [url]indirizzo[/url], [url=indirizzo]nome[/url], [img]indirizzo[/img].

I commenti non possono superare i 3000 caratteri.

(I post precedenti al 25 luglio 2005 non sono indicizzati)