ATTENZIONE! Questo sito si è trasferito all'indirizzo stm.sottosuolo.org, e presumibilmente non riceverà più aggiornamenti!

Torna alla homepage

Mr. StM's blog

[ Back ]

Sun, 15 May 2005, 17:14

Sempre stato terzino destro. Qualche volta sinistro, qualche volta "stopper". Raramente libero.

In realtà non sapevo giocare a calcio. Avevo dei piedi discreti, e una discreta visione del gioco... ma il problema era nella testa. No, non era solo il fatto che di testa non ci sapevo dare (tanto sono un tappo, cosa vuoi darci di testa?). C'era anche il problema che ero un fifone. Cercavo di toccare la palla il meno possibile, per paura di sbagliare. Per questo andavo benissimo come terzino: la palla la dovevo solo rubare, e disimpegnarla il prima possibile per far ripartire il gioco.

Ma nemmeno come terzino ero proprio il massimo. Ero un po' mollo, arrendevole. Se qualcuno mi superava in velocità, non pensavo mai di buttarlo giù con le cattive. Certo, sarebbe stato anche difficile, gracilino com'ero, ma a fare lo sgambetto che ci vuole?

Il problema, dicevo, stava nella testa. Ero un ragazzino decisamente troppo insicuro. Avrei potuto rendere 3 volte quello che rendevo, avrei potuto essere "bravo", non solo "bravino". Non tra i più bravi, ma insomma un riferimento.

Ogni tanto mi svegliavo e parevo quasi un calciatore. Altre volte invece dormivo in piedi più del solito.

A Cairo c'erano due squadre di calcio giovanili: la Cairese e l'Aurora Calcio. A dispetto di quelle che potrebbero essere le vostre aspettative, la squadra migliore (come risultati) era l'Aurora Calcio. Io, ovviamente, ero nella Cairese. Ogni volta che si affrontava l'Aurora, il problema era incassare meno gol possibile. Una volta mi ci sono messo così d'impegno, a cercare di minimizzare questo problema, che probabilmente risultavo due volte sotto la colonnina dei marcatori dell'Aurora. Dico "probabilmente" perchè uno dei due autogol era palese: calcio d'angolo, palla a rientrare, io ero sul palo ma mi sono spostato, la palla mi è rimbalzata addosso e si è insaccata; il secondo "autogol" invece era stato un tentativo da ultimo uomo di togliere la palla dalla porta, quindi insomma di quello non mi sento troppo responsabile.

Ero anche totalmente privo di sangue freddo. Una volta, in una partita finita ai rigori, ho dimenticato completamente come questi si calciassero e ho tirato una loffa centrale ad altezza busto. Per "fortuna", a quegli stessi rigori hanno sbagliato anche due dei nostri uomini migliori... insomma non era giornata. L'unica piccola differenza è che loro due hanno solo calciato troppo a lato.

Il bello di quel gruppo, ricordo, era che comunque ti trovavi tra ragazzini che volevano giocare, e basta. L'agonismo era vissuto in positivo, con un umile "diamo il meglio e poi divertiamoci". In genere. Poi sì, quando facevi salire tutta la difesa a centrocampo e scoprivi che lo stopper era rimasto a chiacchierare col portiere... o quando sempre lui vanificava il tuo salvataggio in extremis piazzandotisi davanti un attimo prima che rinviassi... o quando la punta non c'era mai quando facevi i lanci lunghi... be', insomma, queste cose ti facevano un po' arrabbiare. Ma, finita la partita, le negatività rimanevano in campo, o al massimo negli spogliatoi. E, la volta dopo, non le trovavi più.

La squadra era così sgangherata che alle volte bisognava chiamare dei ragazzi da altre squadre e fargli dei tesserini falsi perché non eravamo in numero sufficiente. In genere così ci guadagnavamo, perché poi venivano ricercati i giocatori migliori. Non per nulla, fu uno di questi "esterni" a segnare contro il Milan, la volta che ci toccò affrontarlo. Un gol noi, 8 loro. Quello che dovevo marcare io era una gazzella, quando partiva non lo ripigliavi più. Dovevi avere un fucile di precisione e buona mira. E io non ce li avevo.

L'allenatore era una persona che amava e sapeva fare il suo mestiere. L'allenatore che tutti vorrebbero avere, che richiede disciplina ma la ottiene per la stima che gli porti, e non perché è severo. Quando cappellavi te lo diceva col tono adatto all'occasione, che andava dal consiglio allo sbraito, ma ci azzeccava sempre su quale fosse il tono giusto.


Il giocattolo si ruppe quando passai di categoria, dai pulcini agli esordienti. Mi ritrovai con un allenatore "occhi di bragia", "bianco per antico pelo", "rompicoglioni testa di cazzo" (trova l'intruso tra le citazioni). L'anno successivo, se non ricordo male, l'amico per la cui "pressione" mi ero iscritto anni addietro si prese un anno di riposo. E allora andare agli allenamenti era diventato una rottura al cubo. Basta, basta così.

Comments:

No comments yet.

 
Your comment:
Name: E-mail or Homepage:  
Guess the letters and numbers
(passphrase riddle)
--
"F"
,
/2/,
small 'C' +3 letters
and
'Q' +2 letters,
"k"
and not a
"I",
but
small 'K' +3 letters
-
→ retype that here
Questo sito non è più mantenuto, e pertanto i commenti sono disattivati (il captcha darà sempre errore). Dirigetevi al sito stm.sottosuolo.org se volete commentare o contattarmi.

Questo blog è online dal 30 giugno 2004, e va già bene che se ne sia accorto il suo autore.

Molto di quello che troverete qui è di produzione del signor StM; il quale, tuttavia, non disdegna di portare di tanto in tanto all'attenzione del pubblico frammenti di opere altrui, un po' come si fa con gli ospiti stranieri famosi invitati per dare l'estrema unzione al Festival di Sanremo. In ogni caso, badate sempre bene a citare fonti e autori di quello che spargete in giro e andremo d'amore e d'accordo.

Pur mancando questo blog di un meccanismo di tagging dei post, potete ritrovarne molti catalogati (manualmente) qui, o nelle specifiche sezioni del sito.

Collaboro a:

Ars Ludica

Blog personali che leggo/consiglio

Babbo Natale ormai non deve dimostrare più nulla
Blog Stanco
Che te lo dico a fare?
Emack
gianky.com - blog
gls blog
Il blog della madama
Il Blog di Obi-Fran
Maelstrom
Maya's Blog
Myhar: soliloqui e pippe mentali
Nicola Mattina Blog
Parole e Presepi
s l o w c o r e
TLUC ... Blog
Uccidi un grissino: salverai un tonno...

Blog di informazione, cultura e dintorni

attivissimo.blog
ecoblog
MANTEBLOG
MicheleM Web Log
Quelli di Zeus
Salam(e)lik, già Sherif's Blog
Trashfood

Blog genericamente *belli*, spassosi, insomma i MUST READ

"A" come Ignoranza
Come un romanzo
Il blog di eriadan
Il porco trio
personalitaconfusa
Visioni Binarie - di Alice Avallone (originariamente qui)

Blog a caso

Ciccsoft
Genova e dintorni blogger's corner

Nei commenti sono (forse) riconosciuti i seguenti tag:

[b][/b], [i][/i], [u][/u], [url]indirizzo[/url], [url=indirizzo]nome[/url], [img]indirizzo[/img].

I commenti non possono superare i 3000 caratteri.

(I post precedenti al 25 luglio 2005 non sono indicizzati)