ATTENZIONE! Questo sito si è trasferito all'indirizzo stm.sottosuolo.org, e presumibilmente non riceverà più aggiornamenti!

Torna alla homepage

Mr. StM's blog

[ Back ]

Mon, 13 June 2005, 14:06

[Pomerania] Parte 1: Introduzione - Al FaGianni i Lemmings fanno un baffo

Post precedenti sulla Pomerania:
-[Pomerania] Il FaGianni - Introduzione

Per anni si è creduto che i boschi pomerani, orgogliosi e alteri al pari degli abitanti della nostra fiera nazione, permettessero di vivere sotto le loro fronde solo ai nobili cinghiali, e a qualche altro animale di poca importanza e di nessun interesse scientifico. Ma recenti studi più approfonditi, scaturiti da un rinnovato interesse pomerano per la conoscenza che esulasse da quella carnale delle leggiadre Maniocche™ (che va bene tutto basta che non siano TappiOche™), hanno rivelato un intero nuovo mondo, sotto l'impenetrabile coltre di verzura silvana.

Finalmente, dopo anni di ricerche in ambiente accademico, ora anche il pubblico conoscerà la ricchezza faunistica della nostra boscosa Pomerania. Vi racconteremo le incredibili abitudini di animali straordinari quali il FaGianni, il Topo Ammuschiato, o il leggendario e sfuggente Balenottero Boschivo. Siamo certi che sentirvi nominare per la prima volta il Balenottero da un rappresentante dell'ambiente accademico vi riempirà di stupore. Ebbene sì, abbiamo finalmente raccolto indizi sufficienti a farci credere alla sua esistenza.

Ma frenate la vostra sete di conoscenza, o nobili pomerani, gentili ospiti di altre nazioni, e sopportabili lapponi. Stasera e nelle prossime serate parleremo dell'animale di cui più abbiamo approfondito la conoscenza, e che più ci ha stupito durante lo studio. Signore e signori, il FaGianni:

Fig. 1. Una rara diapositiva di FaGianni durante l'accoppiamento
[image]


Sembra un volatile come tanti altri. Anzi, diremo di più, sembra un comunissimo fagiano, Phasianus colchicus. No, signori. Se il fagiano è un animale grasso, goffo e vistoso, il FaGianni in secoli di evoluzione è riuscito a perfezionare ciascuna delle sue caratteristiche salienti. Il fagiano è un uccello dalla carne saporita? Orbene, il FaGianni già viaggia con le spezie sotto le ali e nel [...]. Il fagiano in volo pare un piattello di un poligono di tiro? Allora cos'è il FaGianni, che ruota le ali a mo' di elicottero, restando fermo nell'aria per minuti interminabili?

Leggo lo sconcerto nei vostri occhi. Credete, è lo stesso che abbiamo provato noi studiosi. Come ha potuto, un uccello così veementemente privo di istinto di conservazione, sopravvivere fino ad oggi e per giunta in stormi copiosi? La risposta giace nel suo peculiare e stupefacente sistema di riproduzione. Ma dovrete attendere una delle prossime conferenze per venire edotti su questa affascinante caratteristica del volatile, stasera non v'è tempo per approfondire.

Stasera teniamo molto a spiegare come si è giunti a riconoscere nel FaGianni una specie nuova, perché vogliamo dedicare la nascita di questo centro cultural-naturalistico alla memoria del grande scienziato Parvulus Tonius Bellum, accademicamente morto da quando malauguratamente accettò l'offerta di una fornitura vitalizia di elettrodomestici di classe A in cambio dell'arbanella contenente il suo cervello in formalina. Fu proprio Parvulus Tonius che diede impulso agli studi sul FaGianni, il giorno che il suo occhio fece un incontro ravvicinato, ravvicinatissimo con una misteriosa squitta proveniente dal cielo. Ricordiamo ancora le sue parole di quel momento, che tanto ci ispirarono negli studi successivi: "Ma cinghiale *censura* di una *censura* , se piglio quel *censura* di uccello lo *censura* e lo uso come preservativo".

Nel giro di qualche mese, scoprimmo il motivo per cui il FaGianni per tanto a lungo non è stato riconosciuto: il generale abbandono, da parte dei pomerani, dell'antica attività della caccia. E allora capitava sì, andando nei boschi armati esclusivamente di macchina fotografica, di trovare qualche fagiano. Ma non FaGianni, oh no signori. Il FaGianni teme, e schifa chi non sia almeno minimamente pericoloso. E infatti solo per puro caso lo incontrammo la prima volta: dopo ore e ore di appostamenti stavamo facendo merenda con pane e Ciucchella™, la merenda dei ca**oni spalmandola con lo SpalmaCiucchella™, un coltello dalla punta arrotondata; vedemmo uscire da un cespuglio un grosso uccello che correva a perdifiato, e prima che potessimo fare alcunché l'animale spiccò un salto, fece due capriole in aria, e andò ad atterrare col cuore sulla punta dello SpalmaCiucchella™, uccidendosi.

Trascorsero dei bei minuti prima che capissimo. A posteriori, ci rendemmo conto che lo SpalmaCiucchella™ era probabilmente la prima arma che i FaGianni avessero visto da tempo immemorabile. E probabilmente, nei cespugli, ci fu un'aspra lotta fra di loro per decidere chi avesse diritto ad andare ad impalarvisi.

All'escursione successiva, rifacemmo la prova portando con noi nel bosco un comunissimo coltello: dal momento dell'estrazione a quello dell'impalamento trascorsero 32 secondi. Il dubbio sulla scoperta di una nuova razza era ormai certezza per molti di noi. Ma lo studio andava approfondito, e di certo non erano molto utili allo scopo quei brevissimi istanti in cui avevamo avuto occasione di osservare i FaGianni vivi. Ci venne un'idea, un'intuizione poi rivelatasi corretta: le armi da fuoco avevano sicuramente un aspetto abbastanza pericoloso, senza tuttavia permettere al FaGianni di uccidersi quando più gli aggradasse.

Ma i FaGianni sono animali intelligentissimi: il giorno che entrammo nella foresta con un fucile scarico, non ne trovammo nessuno.

La volta successiva avemmo l'incontro con un FaGianni più lungo della storia: per ben 3 ore, potemmo studiare il volatile mentre si accaniva sul fucile cercando un modo per far partire il colpo ed essere contemporaneamente di fronte alla canna. Da solo non vi riuscì, ma come abbiamo detto i FaGianni sono intelligentissimi: arrivò alfine un secondo volatile a dar man forte al primo, facendo scattare il cane del fucile e accoppandolo. Dovemmo disperdere una sopravveniente frotta di FaGianni quando scoprirono come il fucile si ricaricasse.

Purtroppo la voce tra i FaGianni si sparse, e non potemmo più osservare un esemplare così a lungo. Sono allo studio altri sistemi per approfondire la conoscenza dell'animale, anche se è un'impresa difficile come una partita a scacchi.

Per stasera ho concluso, vi ringrazio di essere intervenuti così numerosi. Prossimamente seguiranno altre conferenze su vari aspetti della vita di questo animale, dalla riproduzione alla sua presenza in antichi miti e leggende pomerane. Se avete domande posso vedere se rispondervi ora o se è il caso di espandere l'argomento in una delle prossime conferenze. Se non avete domande, arrivederci alla prossima.

Comments:

No comments yet.

 
Your comment:
Name: E-mail or Homepage:  
Guess the letters and numbers
(passphrase riddle)
--
0 chars before U
,
_h_
-
small 'W' +3 letters
and not a
"Z",
but
-s-
and not a
"Z",
but
/s/
and
'H' +3 letters
&
'v';
→ retype that here
Questo sito non è più mantenuto, e pertanto i commenti sono disattivati (il captcha darà sempre errore). Dirigetevi al sito stm.sottosuolo.org se volete commentare o contattarmi.

Questo blog è online dal 30 giugno 2004, e va già bene che se ne sia accorto il suo autore.

Molto di quello che troverete qui è di produzione del signor StM; il quale, tuttavia, non disdegna di portare di tanto in tanto all'attenzione del pubblico frammenti di opere altrui, un po' come si fa con gli ospiti stranieri famosi invitati per dare l'estrema unzione al Festival di Sanremo. In ogni caso, badate sempre bene a citare fonti e autori di quello che spargete in giro e andremo d'amore e d'accordo.

Pur mancando questo blog di un meccanismo di tagging dei post, potete ritrovarne molti catalogati (manualmente) qui, o nelle specifiche sezioni del sito.

Collaboro a:

Ars Ludica

Blog personali che leggo/consiglio

Babbo Natale ormai non deve dimostrare più nulla
Blog Stanco
Che te lo dico a fare?
Emack
gianky.com - blog
gls blog
Il blog della madama
Il Blog di Obi-Fran
Maelstrom
Maya's Blog
Myhar: soliloqui e pippe mentali
Nicola Mattina Blog
Parole e Presepi
s l o w c o r e
TLUC ... Blog
Uccidi un grissino: salverai un tonno...

Blog di informazione, cultura e dintorni

attivissimo.blog
ecoblog
MANTEBLOG
MicheleM Web Log
Quelli di Zeus
Salam(e)lik, già Sherif's Blog
Trashfood

Blog genericamente *belli*, spassosi, insomma i MUST READ

"A" come Ignoranza
Come un romanzo
Il blog di eriadan
Il porco trio
personalitaconfusa
Visioni Binarie - di Alice Avallone (originariamente qui)

Blog a caso

Ciccsoft
Genova e dintorni blogger's corner

Nei commenti sono (forse) riconosciuti i seguenti tag:

[b][/b], [i][/i], [u][/u], [url]indirizzo[/url], [url=indirizzo]nome[/url], [img]indirizzo[/img].

I commenti non possono superare i 3000 caratteri.

(I post precedenti al 25 luglio 2005 non sono indicizzati)