ATTENZIONE! Questo sito si è trasferito all'indirizzo stm.sottosuolo.org, e presumibilmente non riceverà più aggiornamenti!

Torna alla homepage

Mr. StM's blog

[ Back ]

Wed, 18 January 2006, 22:06

Non marchiatemi, non sono un vitello

Non capisco il senso di un marchio su un capo d'abbigliamento. Intendo quei marchi cafoni che è *impossibile* non vedere, quelli messi apposta per dire "ehi, chi porta questo capo d'abbigliamento non è un pezzente". Mi spiace, sono sordo a cretinate del genere.

Indossare *cose* può essere convenzionale quanto vogliamo, ricaricato sul senso del pudore quanto vogliamo, ma qualche motivo di esistere *obiettivo* ce l'ha, non ultimo il proteggerci dal freddo. Aggiungiamoci un po' di ricerca del senso estetico, ché non siamo bestie o ingegneri... ops... non siamo bestie e basta. Insomma, già che indossiamo qualcosa, che almeno ci piaccia. Ok. Ma tutto il resto? Le scritte "Celolungo®" sulle felpe? Chissenefrega?

Un'ottima idea di antimarchio perfetto sarebbe scrivere, su una maglia, "Maglia" bello grande, sul petto; sui pantaloni, una banda dai piedi alla cintola tipo carabinieri che dice "Pantaloni"; ovviamente è una stronzata, infatti è venuta in mente a me, ma per dire: io voglio maglie, voglio pantaloni - voglio del tessuto messo insieme così e cosà, che serva a questo e a quello, che non sia brutto a usarsi e vedersi; basta.

Mi chiedo per quale assurdo ragionamento dovrei pagare di più per essere un cartellone pubblicitario vagante. Vogliono che porti in giro i loro "CK", baffi, sticazzi, come un pilota di formula 1 o un ciclista? Mi paghino, mi sponsorizzino. Altrimenti, che facciano dei vestiti sobri e anonimi, di qualità, col loro marchietto defilato in un angolino o all'interno. Io non ho bisogno di essere il portabandiera d'altri che di me stesso, non ho bisogno di certificati altrui per affermare le mie qualità.

Il marchio può essere sinonimo di qualità, non lo metto in dubbio: in quel caso, troverà in me un sostenitore, nel mondo del passaparola - perché il lavoro nobilita l'uomo, sì - se ben fatto.

Ma il marchio è anche, nella nostra economia gonfia e malata, un trucco da prestigiatore per creare valanghe di soldi dal nulla: in questo caso si traveste da status-symbol. Prendete un prodotto mediocre, create e registrate un marchio orecchiabile e visivamente accattivante, triplicate il prezzo del prodotto, assicuratevi che nessuno possa ottenerlo a prezzi inferiori, fate sì che diventi conosciuto, che diventi un must per chi debba dimostrare non si sa cosa a non si sa chi. Trapezismo da commerciali, non sempre riesce, ma se riesce è il gran botto.

Non mi trovo a mio agio con molti venditori di strada. Soprattutto quelli che vendono materiale contraffatto, e quelli che non stanno vendendo ma facendo l'elemosina: "comprami qualcosa"; tu guardi... fazzoletti di carta (uso quelli di stoffa), accendini (non fumo), mollette (in genere non stendo biancheria per strada)... non ce l'ho con te, ragazzo, davvero, vorrei poterti aiutare, vorrei poterti dare un biglietto da visita e dirti: "chiedi qui, ti daranno un lavoro vero"; ma non posso; e se non posso quello... non ti aspettare un centesimo da me. Poi ci sono venditori di strada che invece hanno motivo di esistere: quelli che vendono i libri delle Edizioni dell'Arco, quelli regolarizzati e che magari vendono qualcosa di davvero particolare. L'imbarazzo non si cancella neanche con loro: voi siete appena usciti da 10 minuti e già morite di freddo; vedete per strada un ragazzone senegalese che presumibilmente è lì fuori da ore; vi interessate incautamente ai libri che regge in mano; ne comprereste uno, ma riesce a piazzarvene due, non riuscite a dire di no - non perché vi abbia convinto, ma perché attingiamo troppo spesso al bacile dell'elemosina come comoda via di fuga, noncuranti se i nostri sentimenti rispettino o meno coloro che abbiamo davanti. La carità è uno dei pilastri dell'islam, è vero, ma nella sua versione tipicamente "occidentale" (dàlli all'aggettivo stupido...) ha acquisito tonalità di paternalismo che sono irrispettose e controproducenti. Ma di qui si passa a cercare con il lumino il "giusto mezzo" tra capitalismo e solidarietà, e perciò desistiamo.

Sabato riflettevo, a dispetto della mia diffidenza verso i venditori di strada, e a dispetto del fatto che intralciano spaventosamente il passaggio su marciapiedi grondanti gente, che a me, dopotutto... se vogliono vendere materiale contraffatto, sta bene. Più che bene. Se un signore si mette a vendere boccette d'aria per strada, non può certo lamentarsi se qualcuno vorrà copiargli l'idea; perché come idea, diciamo, fa anche parecchio schifo.

Qualcuno al mondo produce porcherie e le vende a caro prezzo solo perché hanno un adesivino trendy sopra? Qualcun altro, dall'altra parte, compra le porcherie per via dell'adesivino e si accontenta che gli durino 3 mesi? Che facciano. Ma se poi arriva un Ro Bin Hud qualsiasi dal Camerun e si mette a vendere le stesse identiche cose al vero prezzo di produzione, e il compratore dalla morale di ferro va da lui invece che dal produttore... be', costui se l'è cercata.

La proprietà intellettuale si difende con l'intelligenza, il talento e l'impegno; se il vostro modo principale di difenderla sono invece uomini del marketing e avvocati, meritate di scomparire.

Comments:

Shuren, Thu, 19 January 2006, 17:32

ottimo post. Mi trovi perfettamente concorde su tutto

 

StM, Thu, 19 January 2006, 23:11

/me festeggia

 

the_lamb, Thu, 09 February 2006, 12:19

 

StM, Thu, 09 February 2006, 12:36

 

the_lamb, Mon, 13 February 2006, 18:32

 
Your comment:
Name: E-mail or Homepage:  
Guess the letters and numbers
(passphrase riddle)
--
:c:
and
'A' +2 letters
and
small 'W' +1 letters
and then
-7-
and not a
"E",
but
1 chars before small Z
followed by
'U' +1 letters
and
(((??? - 9) - 8) - 9) = -19,
→ retype that here
Questo sito non è più mantenuto, e pertanto i commenti sono disattivati (il captcha darà sempre errore). Dirigetevi al sito stm.sottosuolo.org se volete commentare o contattarmi.

Questo blog è online dal 30 giugno 2004, e va già bene che se ne sia accorto il suo autore.

Molto di quello che troverete qui è di produzione del signor StM; il quale, tuttavia, non disdegna di portare di tanto in tanto all'attenzione del pubblico frammenti di opere altrui, un po' come si fa con gli ospiti stranieri famosi invitati per dare l'estrema unzione al Festival di Sanremo. In ogni caso, badate sempre bene a citare fonti e autori di quello che spargete in giro e andremo d'amore e d'accordo.

Pur mancando questo blog di un meccanismo di tagging dei post, potete ritrovarne molti catalogati (manualmente) qui, o nelle specifiche sezioni del sito.

Collaboro a:

Ars Ludica

Blog personali che leggo/consiglio

Babbo Natale ormai non deve dimostrare più nulla
Blog Stanco
Che te lo dico a fare?
Emack
gianky.com - blog
gls blog
Il blog della madama
Il Blog di Obi-Fran
Maelstrom
Maya's Blog
Myhar: soliloqui e pippe mentali
Nicola Mattina Blog
Parole e Presepi
s l o w c o r e
TLUC ... Blog
Uccidi un grissino: salverai un tonno...

Blog di informazione, cultura e dintorni

attivissimo.blog
ecoblog
MANTEBLOG
MicheleM Web Log
Quelli di Zeus
Salam(e)lik, già Sherif's Blog
Trashfood

Blog genericamente *belli*, spassosi, insomma i MUST READ

"A" come Ignoranza
Come un romanzo
Il blog di eriadan
Il porco trio
personalitaconfusa
Visioni Binarie - di Alice Avallone (originariamente qui)

Blog a caso

Ciccsoft
Genova e dintorni blogger's corner

Nei commenti sono (forse) riconosciuti i seguenti tag:

[b][/b], [i][/i], [u][/u], [url]indirizzo[/url], [url=indirizzo]nome[/url], [img]indirizzo[/img].

I commenti non possono superare i 3000 caratteri.

(I post precedenti al 25 luglio 2005 non sono indicizzati)